MC CONTROL DIAVOLI VICENZA: VINCE MILANO E SI PORTA SUL 2-1

Biancorossi sconfitti per 6-2

Sulla pista di Milano Mc Control Diavoli Vicenza non riesce a passare ed anzi torna sconfitto per 6-2, al termine di una gara in cui i padroni di casa sono stati superiori, hanno mantenuto il possesso del disco per quasi tutta la gara dimostrando ancora una volta che in casa sono fortissimi.

I Diavoli hanno affrontato la gara con l’approccio giusto, chiudendosi a gabbia e sperando nelle ripartenze, ma qualche errore difensivo, qualche disco perso, delle scelte arbitrali, soprattutto nel primo tempo e in momenti delicati, che dire dubbio è poco, poca incisività in attacco e troppe poche occasioni offensive hanno portato alla sconfitta, tenendo conto che mancavano due degli sloveni, Simsic eZerdin e che quindi tutti gli schemi e le linee sono saltate e che ancora una volta fra i migliori in pista c’è stato il portiere Alberti, sostituito da Michele Frigo dopo il quinto gol. Non si mette in dubbio la qualità degli avversari e nemmeno che abbiano meritato la vittoria, ma bisogna riconoscere che qualche errore arbitrale c’è stato.
Nel primo tempo Milano parte subito all’attacco e dopo due minuti e mezzo arriva il gol di Banchero, il cui tiro si infila sotto la traversa. Difende bene Bettello e poi su Luca Rigoni interviene sul primo palo Alberti. Vicenza prova con Sotlar che serve Roffo, ma non riesce l’aggancio e sul capovolgimento di fronte è Ferrari a concludere con Alberti che devia. Su Comencini Alberti ribatte con la maschera del casco e poi interviene su Delfino. Non riesce il contropiede a Vicenza con Corradin e Sotlar ed è sempre Milano che per un disco perso da Vicenza si ripresenta di nuovo davanti ad un grande Alberti. Penalità fischiata a Sotlar per reazione ad un fallo subito da lui e non visto, Milano si gioca il primo power play ma non passa. Roffo al tiro, ma risponde Mai e poi è Zagni appena entrato ad impegnare Alberti.
Penalità fischiata a Roffo che frana sul portiere, ma non a Banchero che gli sferra un pugno sul casco mentre è a terra. Secondo power play per Milano che proprio con Banchero raddoppia: 2-0 per i padroni di casa. Vicenza accusa il colpo. Al fallo di Frigo, penalità differita e Milano gestisce il disco tentando un unico affondo. La seconda frazione di gioco si pare col power play per Milano ed è Alberti a tenere a galla i suoi, ma i padroni di casa hanno del tutto le redini dell’incontro e segnano con tiro rasoterra di Lievore. Vicenza prova una timida reazione con tiro di Frigo deviato da Fabio Rigoni e poi penalità fischiata a Loncar per proteste, per fallo subito e non fischiato. I Diavoli reggono, ma hanno sempre meno benzina e subiscono il 4-0 per opera di Bellini che saltato il difensore segna. Il quinto gol di Belcastro al 38.17 nasce da un errore dei biancorossi ed esce uno stremato e grande Alberti per Michele Frigo.  Prima penalità per Milano, ma i Diavoli non riescono ad essere incisivi e si fa vedere Mai. Anche alla successiva penalità fischiata a Milano Vicenza non passa e lo fa appena le squadre tornano in parità con Rossetto ben servito da Ustignani. Bellini si fa tutto il campo, tira ma c’è Frigo a ribattere, poi tiro di Sotlar ma Mai blocca. A circa quattro minuti dalla fine fallo di Ustignani e dopo poco anche di Roffo: il 6-1 di Banchero arriva quattro contro due e ad una manciata di secondi dal fischio finale Rossetto devia in porta un tiro di Corradin. Partita chiusa sul 6-2.
Presente anche questa sera Antonio Bellinaso, sempre legatissimo ai colori biancorossi e ai suoi compagni:
“Noi abbiamo giocato come dovevamo, visti gli infortuni – ha commentato a fine gara l’ex difensore vicentino. - Milano ha meritato la vittoria perché in casa è veramente forte e ha saputo interpretare meglio ogni frangente della gara. Noi però costretti a due linee e con due assenze come Zerdin e Simsic pesantissime in una finale come questa. Complimenti comunque a tutti, a chi ha giocato e a chi non ha giocato perché è fondamentale il gruppo e la carica agonistica che tutti devono avere. Certo per poter pensare di far qualcosa contro i sei volte campioni d’Italia bisogna essere al completo e tutti al meglio. E poi purtroppo la conduzione arbitrale non è stata all’altezza della partita. Questo non significa che la partita sia stata persa per colpa degli arbitri, ma in una finale gli arbitri devono aver il polso e la maturità di prendere le decisioni giuste nei momenti cruciali. E sull’1-0, con Milano che non trovava spazi bisognava essere in grado di gestire l’incontro nel modo migliore altrimenti si rischia di provocare nervosismo. Detto questo Milano ha vinto con merito, ma mercoledì a Vicenza sarà un’altra storia ancora. Adesso è 2-1 per Milano, ma ce la dobbiamo giocare in casa sperando di esserci tutti”.
E questo è il punto anche per l’allenatore Luca Roffo: “Mercoldì sarà di sicuro un’altra storia, ma dobbiamo esserci tutti perché è l’ultima chiamata. Ora ci sentiamo un po’ frustrati perché abbiamo fatto bene tutto un percorso, abbiamo preparato al meglio la gara e poi abbiamo dovuto cambiare tutto, ci siamo trovati costretti a giocare a due linee, con due assenze pesanti e tutti gli schemi da reinventare. E’ difficile venire in casa del Milano e dover rivedere tutto. Ma ci sono dei lati positivi: un Alberti che si è confermato in gran forma, benissimo anche Frigo quando è entrato, e bravi tutti quanti. Si è visto nonostante il risultato il carattere dei Diavoli, la voglia di fare, la rabbia. Ora pensiamo alla prossima gara e come la affronteremo. Molto dipenderà se riusciamo a recuperare gli assenti”.
Appuntamento quindi a mercoledì 30 maggio a Vicenza, inizio gara alle 20.30, per gara 4 e per l’ultimo appello per i biancorossi che, come la scorsa settimana e ancora di più, dovranno essere sostenuti dal rumore e l’affetto dei propri tifosi.

Tabellino
Mc Control Diavoli Vicenza – Milano Quanta (2-0) 6-2

Milano Quanta: Mai, Brescianini, Mantese, Dlefino, Rigoni L., Barsanti, Bellini, Zagni, Lievore, Lettera, Rigoni F., Comencini, Ferrari, Belcastro, Banchero, Ronco.
All. Luca Rigoni

Mc Control Diavoli Vicenza: Alberti (38 min), Frigo M. (11 min), Loncar, Tabanelli, Pozzan, Bettello, Maran, Ustignani, Roffo, Sotlar, Rossetto, Frigo N., Corradin, Tagliaro.
All. Luca Roffo

Arbitri: Marri di Bolzano e Mancina di Bolzano

RETI
PT: 2.37 Banchero (M), 19.43 Banchero (M) pp;
ST: 27.53 Lievore (M), 37.16 Bellini (M), 38.17 Belcastro (M), 42.01 Rossetto (V), 47.20 Banchero (M) pp, 49.30 Rossetto (V).

Share This Post: